Dopo Mediaworld anche Essedi mette nel propio listino l’eeepc.